Opere d'arte

Negli anni ho fotografato molte opere d'arte. Opere di italiani, francesi, polacchi, tedeschi. Quadri di persone quasi sconosciute e opere di artisti famosissimi come Mirò o Dalì. Mi è capitato di fotografare quadri giganteschi oppure minuscoli, sculture in pietra o in bronzo, opere modernissime o antiche... ma tutte le volte che arrivano dei lavori artistici da immortalare è sempre un'emozione.
Oggi ho ricevuto da un corriere di fiducia un grosso pacco di incisioni.

A volte il bello di fotografare arte comincia già nel momento in cui si apre il pacco.

Solitamente gli artisti separano i lavori con fogli di recupero e anche in questo caso non sono rimasto deluso: si trattava di vecchi manifesti di mostre d'arte e fogli datati che ormai lasciano trasparire i segni degli anni.

E così si comincia. Luci, esposimetro, scelta dell'obiettivo più adatto.
Il mio professore di still-life diceva che "fotografare un quadro è facile, ma solo per chi lo sa fare" e io condivido in pieno il suo pensiero. Mi piace pensare che in un angolo dell'opera di un artista ci sia anche la mia firma, segno della complicità e della collaborazione a distanza di due persone che si esprimono tramite la comunicazione visiva.

In questo caso parliamo di Mario Benedetti (http://www.mariobenedetti.it).
Avevo già fotografato le sue opere per un catalogo anni fa ed in un certo senso mi ha fatto piacere "incontrarlo" di nuovo.

Per gli appassionati della tecnica:
Macchina: dorso p65+ su phase one 645
obiettivo: Schneider Kreuznach 110 mm LS
e per alcuni quadri molto piccoli phase one auto extension rings 1& 2

Stampa Email

AVVISO: Questo sito utilizza cookies; continuando a navigare sul nostro sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookies.